Bonus facciate 2020

Come previsto dalla nuova Legge di Bilancio 2020 e dal decreto fiscale 2020, sarà possibile beneficiare di una nuova detrazione IRPEF per la ristrutturazione delle facciate esterne degli edifici: il cosiddetto “bonus facciate”.

Questo bonus consente di recuperare il 90% dei costi sostenuti nel 2020 senza alcun limite di spesa.

In cosa consiste

La detrazione fiscale del bonus facciate 2020 è stata riconosciuta su interventi di ristrutturazione, riqualificazione energetica e adeguamento antisismico. Condizione importante per ottenere il bonus, è che gli immobili si trovino nelle zone A - con agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti - e B - parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, in cui la superficie coperta degli edifici esistenti non sia inferiore al 12,5% della superficie fondiaria della zona e nelle quali la densità territoriale sia superiore a 1,5 mc/mq - indicate nel decreto ministeriale n.1444/1968.

Lavori agevolabili

Sono agevolabili i lavori realizzati per il rinnovamento e il consolidamento della facciata esterna, inclusa la semplice pulitura e tinteggiatura, e gli interventi su balconi, ornamenti e fregi. Inoltre, beneficiano della detrazione anche i lavori su grondaie, pluviali, parapetti e cornici e le spese correlate ai lavori come installazione di ponteggi e smaltimento di materiali.

Il bonus facciate non si può applicare invece per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio, se non visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico, e per gli interventi sulle superficie confinanti con chiostrine, cavedi, cortili e spazi interni.

A chi è rivolto

La detrazione del bonus facciate è sfruttabile da tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi agevolati e che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento.

Inoltre, i beneficiari devono possedere o detenere l’immobile oggetto dell’intervento, in base a un titolo idoneo, al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese.

Sono esclusi, invece, i titolari di redditi derivanti dall’esercizio di attività d’impresa o di arti o professioni che aderiscono al regime forfettario e coloro che sono sprovvisti di un titolo di detenzione dell’immobile regolarmente registrato al momento dell’inizio dei lavori o al momento di sostenimento delle spese.

Vuoi avere maggiori informazioni? Contattaci qui, risponderemo a tutte le tue domande.

Facebook Twitter Google+ Pinterest

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.